New!

accessibilità

22 marzo 2016

musei arte e alzheimer

convegno internazionale



Il programma è scaricabile qui


Comunichiamo che le iscrizioni al convegno Musei Arte e Alzheimer sono chiuse perché è stato raggiunto il limite massimo dei posti a disposizione.

1 ottobre 2015

MUSEO ACCESSIBILE - Esperienze inclusive al Museo Marino Marini di Firenze - ore 17.00

Il Dipartimento Educativo del Museo Marino Marini organizza un incontro rivolto agli insegnanti di ogni ordine e grado del Comune di Firenze e dell'area metropolitana, nel quale presentare il Museo Marini con le sue attività come un luogo che si candida ad accogliere e valorizzare bambini e ragazzi disabili presenti nelle classi e propone anche un nuovo modello di collaborazione tra museo e scuola.

I musei sono oggi chiamati a legittimare la propria esistenza in termini sia economici sia culturali. Considerati a lungo come i luoghi deputati alla raccolta, tutela ed esposizione di oggetti emblematici della nostra storia e cultura, i musei si stanno riconfigurando come luoghi di interpretazione, attivatori di comunità, soggetti capaci di creare connessioni con il presente. Con questa iniziativa il Dipartimento Educativo del Museo Marino Marini di Firenze conferma il proprio approccio pionieristico e sperimentale e la propria attenzione all’inclusione di speciali tipologie di pubblico. In questa prospettiva, il dialogo tra il museo e la scuola svolge un ruolo forte di traino poiché pone questioni fondamentali di inclusione – dei piccolissimi (fascia 0-6), dei bambini e dei ragazzi con disabilità, delle persone immigrate.


Interverranno:

Carlo Sisi, Presidente del Museo Marino Marini

Cristina Giachi, Vicesindaco e Assessore Educazione, Università e Ricerca - Comune di Firenze

Sara Funaro, Assessore Welfare e sanità, Accoglienza e integrazione, Pari opportunità, Casa - Comune di Firenze

Chiara Lachi e Cristina Bucci, Dipartimento Educativo del Museo Marino Marini




L’arte tra le mani

Il Museo Marino Marini di Firenze ha sempre dedicato un’attenzione particolare a speciali tipologie di pubblico. Gli spazi del museo, luminosi, accoglienti, mai troppo affollati, organizzati in modo da consentire molteplici punti di vista sulle opere; la caratteristica peculiare di museo monografico all’interno del quale è facile individuare percorsi tematici; la tipologia delle opere, sculture di varie dimensioni, ma anche grandi dipinti e soprattutto la loro qualità e potenza comunicativa ed espressiva, frutto del lavoro di uno dei massimi artisti italiani del Novecento, fanno del Museo Marini un luogo ideale per accogliere pubblici speciali per i quali è necessario pensare progetti speciali.


Per anni il museo è stato la sede prima del VAMI poi dell’Associazione VIVAT, e le sue sculture hanno offerto ai non vedenti la possibilità di un’esplorazione tattile del museo; ora che il VIVAT è stato sciolto il Dipartimento Educativo del Museo ne ha acquisito i materiali e le competenze. Gli itinerari proposti dal Dipartimento Educativo inoltre negli anni hanno attirato l’interesse di cooperative sociali dedicate alla cura e all’inserimento di giovani con ritardo cognitivo e con varie disabilità.


Nella primavera 2012, tra aprile e giugno, il Museo Marini ha avviato la fase sperimentale di un progetto rivolto specificamente a persone con Alzheimer, ai loro familiari e a chi se ne prende cura. Le esperienze sono state emozionanti e intense per tutti i partecipanti, persone con Alzheimer, caregiver familiari e professionali, educatori geriatrici, educatori museali, fotografi e osservatori esterni. Il Museo Marini ha confermato la sua qualità di spazio accogliente, ideale per mettere a proprio agio tutti i visitatori e quindi anche per sperimentare con una certa libertà percorsi multisensoriali e attività creative adatte per coinvolgere un pubblico particolare. Dopo questa prima fase di sperimentazione, si prevede di dare seguito al progetto individuando altri percorsi e diverse strategie di coinvolgimento per questa particolare tipologia di pubblico.



Il libro L'arte tra le mani è scaricabile qui


Qui una presentazione del progetto

MarinoMariniVideoPlayer


MarinoMariniVideoPlayer